Motocross: A Riola Sardo parte la sfida Cairoli vs Herlings

Scatta la stagione con gli internazionali d’Italia, antipasto del Mondiale che si apre fra un mese in Argentina.

La Gazzetta dello Sport in edicola domenica 4 febbraio dedica l’apertura della pagina motori all’apertura della grande stagione del Motocross, oggi a Riola Sardo con la prima tappa degli Internazionali d’Italia. Sarà l’antipasto del Mondiale MotoGP e la prima sfida fra i due fuoriclasse più attesi: Antonio Cairoli e l’olandese Jeffrey Herlings.

Dopo quattro mesi di sosta, si abbassano i cancelletti per la prima delle tre prove degli Internazionali d’Italia di Motocross, in programma a Riola Sardo (Oristano). Protagonista annunciato il 9 volte campione del mondo Antonio Cairoli (Ktm) che testerà il suo stato di forma in vista dell’apertura del Mondiale, prevista il 4 marzo in Patagonia (Argentina).

CACCIA A EVERTS – Una stagione importante per il siciliano che dopo il trionfo dello scorso anno, settimo titolo nella classe regina (dopo i primi 2 in Mx2), avrà la possibilità di eguagliare Stefan Everts, l’unico crossista ad aver conquistato 10 titoli iridati. Oltre tutto quest’anno Cairoli avrà un aiuto in più dal fattore campo perché tre dei 19 GP del Mondiale si disputeranno in Italia: l’8 aprile a Pietramurata (Trento), il 17 giugno a Ottobiano (Pavia) e il 30 settembre la tappa conclusiva a Imola. Prima però lo attendono gli Internazionali d’Italia, una sorta di mundialito se si guarda il parco partenti: oggi saranno infatti in gara otto dei primi dieci dell’ultimo Mondiale della classe regina, con l’eccezione del belga Clement Desalle e dello sloveno Tim Gajser (campione 2016, Honda).

CAIROLI VS HERLINGS –  L’anno scorso Cairoli conquistò sia la classifica Mx1 che la Elite degli Internazionali, mettendosi alle spalle in entrambe le categorie Jeremy Van Horebeek (Yamaha). I primi due appuntamenti furono però disertati da Jeffrey Herlings (Ktm) che dopo un esordio balbettante in MXGP nel finale di stagione trovò il ritmo, vincendo 5 degli ultimi 6 GP del Mondiale. Proprio Herlings appare il rivale più duro sulla strada iridata ma sono temibili pure Romain Febvre (campione 2015, Yamaha), Gautier Paulin (Husqvarna) e Maximilian Nagl con la pesarese TM. Tutti loro oggi disputeranno due manche: alle 14.20 la gara della Mx1 (25 minuti più due giri) e alle 16 la Elite che vede al via i migliori classificati della Mx1 e della Mx2.

SCHIERAMENTO MX2 –  Meno prestigioso il roster della Mx2 che pur conta 63 iscritti, fra cui il campione del mondo Pauls Jonass (Ktm). A tener alti i colori dell’Italia dovrebbero essere Michele Cervellin (Honda), Samuele Bernardini (TM), Morgan Lesiardo (campione europeo 250) e Gianluca Facchetti (campione del mondo junior 125). Con la loro gara (ore 13.30) inizierà anche la diretta streaming gratuita sul sito offroadproracing.it che trasmetterà anche le due gare di Cairoli e persino la seconda manche della 125. Domenica prossima invece gli Internazionali si spostano in Sicilia per la tappa di Noto (Siracusa), su una pista dura, mentre il 18 febbraio il trittico si chiude a Mantova. Ricchissimo il montepremi degli Internazionali: 120 mila euro da ripartirsi tra i migliori nella classifica finale della classe Elite. Un bottino che fa gola a molti, ma non a costo di compromettere il Mondiale.

Foto: www.tonycairoli.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy