FIM EWC: nuovi sviluppi per la R1 di YART Yamaha

Per il 2018 la R1 di YART Yamaha si rinnova con inedite specifiche tecniche, riconfermato il sodalizio con Bridgestone per il secondo anno di fila.

Campione del Mondo Endurance nel 2009, da diversi anni YART, acronimo di Yamaha Austria Racing Team, si è guadagnata la fiducia della casa madre, rappresentando in diverse occasioni la squadra ufficiale alla 8 ore di Suzuka. Tra alti e (molti…) bassi, la compagine diretta da Mandy Kainz resta costantemente ai vertici del Mondiale Endurance FIM EWC, sebbene sembra sempre mancargli qualcosa per puntare al massimo alloro.

Subito lo “zero” al Bol d’Or, per il prosieguo della stagione 2017/2018 YART Yamaha non soltanto ha rinnovato la propria livrea, ma anche l’equipaggio con l’innesto di Takuya Fujita accanto ai riconfermati Broc Parkes e Marvin Fritz, convocato (con la benedizione Yamaha…) per sostituire Kohta Nozane dedicatosi a tempo pieno al ruolo di collaudatore Yamaha MotoGP e pilota ufficiale nell’All Japan Superbike.

Per il secondo anno di fila YART sarà inoltre tra le squadre di punta Bridgestone, presentando ulteriori novità tecniche per la propria R1 sempre contraddistinta dal numero 7: nuovo forcellone Factory, sospensioni Ohlins, freni Brembo, elettronica Yamaha Factory (comprensivo di dashboard derivazione MotoGP), impianto di scarico Akrapovic ed un nuovo radiatore.

Basterà per tornare sul trono del FIM EWC? La concorrenza, anche in casa (vedi GMT94…), non manca di certo…

Takuya Fujita novità YART al posto di Kohta Nozane

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy