FIM EWC: ERC-BMW Motorrad Endurance, con la nuova S1000RR per vincere

Dal Bol d’Or BMW è tornata ufficialmente al via del Mondiale Endurance: a Le Mans si tenterà l’impresa.

L’arrivo della nuova S1000RR ha garantito una rinnovata spinta propulsiva ai programmi sportivi di BMW Motorrad. Nel Mondiale Superbike il ritorno in forma ufficiale insieme al team di Shaun Muir con un Campione del Mondo come Tom Sykes ed un pilota di lungo corso con la casa dell’Elica quale Markus Reiterberger, ma nel FIM EWC sono stati addirittura precorsi i tempi. Dal Bol d’Or disputatosi lo scorso mese di settembre, la casa di Monaco è tornata a competere attivamente nel Mondiale Endurance con una propria struttura di riferimento ed in prima persona sotto le insegne del Team ERC-BMW Motorrad Endurance, già riconosciuto sotto le insegne NRT48 (ed ancor prima Völpker NRT48). Un ambizioso programma sportivo che testimonia i propositi bellicosi di BMW Motorrad nelle corse di durata, con una sola missione: vincere.

BMW E L’ENDURANCE – Anticipando l’arrivo della iper-sportiva S1000RR, BMW Motorrad ha sempre seguito con un occhio di riguardo le maratone Endurance d’Oltralpe: due vittorie al Bol d’Or (1948 e 1960), più recentemente la partecipazione ufficiale con due HP2 Sport sotto le insegne BMW Motorrad Motorsport al Mondiale di categoria nel biennio 2007-2008, “antipasto” del successivo impegno della casa madre nel Mondiale Superbike. Con il debutto della S1000RR datato 2009, BMW occasionalmente è tornata a strizzare l’occhio verso le competizioni di durata: dapprima con l’agguerrito BMP 99 BMW Motorrad France, nelle ultime stagioni supportando varie squadre come lo stesso Völpker NRT48, Tecmas e, soprattutto, Penz13, squadrone di Rico Penzkofer che si è garantito diverse pole e podi anche nelle 24 ore.

RITROVATE AMBIZIONI – Per la stagione 2018/2019 del FIM EWC il reparto corse di Monaco ha deciso di riorganizzarsi, facendo affidamento con quanto consolidato nel corso dell’ultimo biennio. Il Team ERC-BMW Motorrad Endurance conserva infatti gran parte dell’organico di NRT48, squadra dal Bol d’Or 2017 passata con successo dalla classe Superstock alla EWC. ERC, acronimo di “Equipe Reinhardt Competition”, altri non è se non la squadra dell’ex pilota Uwe Reinhardt, tuttora coinvolto nel progetto in qualità di sponsor con il marchio Proskaro. A Yvan Haberkorn spetta il ruolo di Team Manager mentre Ingo Nowaczyk, artefice dei successi Volpker NRT48, svolge la carica di direttore tecnico. Parlando dei piloti, la punta di diamante non può che esser Kenny Foray, Campione del Mondo Endurance 2014 con GMT94 Yamaha e dal 2016 pilota BMW Motorrad, conquistando nel 2017 il titolo FSBK Superbike. Accanto a lui gradito ritorno nei piani BMW dopo l’esperienza del 2016 di Mathieu Gines più Julien Da Costa, pluri-Campione del Mondo che ha già maturato un’esperienza in sella alla S1000RR tra i team Tecmas e, proprio con NRT48, alla 8 ore di Suzuka 2018.

PRIMA NON FACILE AL BOL D’OR – Con ERC che si occupa degli aspetti operativi/logistici/organizzativi e BMW concentratasi sul piano prettamente tecnico, l’esordio del nuovo corso al Bol d’Or non è stato dei più facili. Velocissima soprattutto sul lungo rettifilo del Mistral, a tratti addirittura in testa nel primo stint di gara, dopo 1 ora un contatto tra Da Costa ed un doppiato ha fatto scivolare la S1000RR #6 nelle retrovie, segnando l’inizio-della-fine con un mesto ritiro per problemi di vario genere e tipo. Un battesimo del fuoco per il sodalizio ERC-BMW, iniziando la stagione 2018/2019 con un pesante zero ai fini-campionato.

ASPETTANDO LA NUOVA S1000RR… – L’opportunità del riscatto è rappresentata dalla 24 ore di Le Mans del 20-21 aprile prossimi dove, nei piani iniziali, la squadra scenderà in pista con la nuova S1000RR 2019. Al momento non sono stati effettuati ancora test in tal senso: sarà una corsa contro il tempo per preparare la nuova moto in base alle specifiche FIM EWC o, in alternativa, posticipare il debutto in gara a data da destinarsi. Vada come vada, l’obiettivo è ben chiaro: nel prossimo biennio condurre BMW alla prima vittoria in tempi recenti ad una 24 ore dopo 3 podi (1 con BMP 99, 2 con Penz13) tra Le Mans e Bol d’Or conseguiti dal 2012 a questa parte…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy