CIV Mugello 1, Gara 1: Michele Pirro fa 3 su 3 in Superbike

Le prime gare del CIV al Mugello vedono il dominio di Michele Pirro in Superbike e di Stefano Nepa in Moto3. Ecco tutti i vincitori.

Il circuito del Mugello riserva sempre gare interessanti e le prime gare stagionali del CIV sul circuito toscano non sono state da meno.

Se in Superbike e Moto3 la bagarre ha riguardato le posizioni dalla seconda in giù, visto lo strapotere rispettivamente di Michele Pirro e Stefano Nepa, i vincitori delle gare di Supersport 600, PreMoto3 e Supersport 300 si sono decisi solo alla bandiera a scacchi, con Roberto Mercandelli (SS600), Alessandro Morosi (PreMoto3 250 4T), Manuel Margarito (PreMoto3 125 2T) e Thomas Brianti (SS300) vittoriosi dopo spettacolari volate. Ecco com’è andata nel dettaglio.

SUPERBIKE – Come facilmente pronosticabile, Michele Pirro ha dominato Gara 1 del CIV Superbike. Il tester Ducati ha mantenuto il comando dopo essere scattato dalla pole position e ha gradualmente aumentato il suo vantaggio fino ad oltre dieci secondi. Dietro al pilota Barni Racing Team, la seconda posizione è stato un affare tra i piloti Ducati Lorenzo Zanetti (Motocorsa Racing) e Matteo Ferrari (Barni Racing Team), con quest’ultimo che alla fine ha battuto il pilota bresciano al photofinish. Nel finale i due erano stati raggiunti da Alessandro Andreozzi, ma il pilota Yamaha Faieta By Speed Action è scivolato all’ultimo giro alla Borgo San Lorenzo e ha poi attraversato la pista in un momento in cui, fortunatamente, non sopraggiungeva nessuno. Detto dei primi tre e di Andreozzi (illeso dopo la caduta), hanno completato la top 5 Matteo Baiocco e il rimontante Luca Vitali, mentre Andrea Mantovani, Christian Gamarino, Axel Bassani, Kevin Calia e Riccardo Russo hanno chiuso dalla sesta alla decima posizione. In campionato Michele Pirro è in testa a punteggio pieno (75 punti) davanti a Matteo Ferrari (60) e Lorenzo Zanetti (41).

SUPERSPORT 600 – La Gara 1 della 600 al Mugello ha riservato grandi emozioni dal primo all’ultimo giro, con un gruppo di testa che si è più volte ampliato passando da due a quattro piloti per poi arrivare a comprenderne sette. Alla fine la lotta per la vittoria ha coinvolto Davide Stirpe (MV Agusta Extreme Racing Bardahl), Roberto Mercandelli (Honda Scuderia Improve), Marco Bussolotti (Yamaha Rosso Corsa Edard) e Stefano Valtulini (Kawasaki Pleo Racing Team) e a trionfare dopo una serie interminabile di sorpassi è stato Mercandelli, tornato alla vittoria dopo un lungo digiuno. Il pilota di Carate Brianza ha vinto con la Honda del team Improve battendo nel finale Valtulini, Stirpe (sul podio dopo essere partito 12°) e Bussolotti, arrivati in questo ordine a rappresentare quattro case nei primi quattro posti. La lotta per la vittoria ha coinvolto anche Massimo Roccoli e Mattia Casadei, ma se il primo è caduto al penultimo giro mentre cercava di recuperare dopo un errore, Casadei è stato costretto al ritiro durante la tornata finale. Gara poco fortunata per il team Yamaha GAS Racing, che deve accontentarsi del quinto posto di Lorenzo Gabellini. Completano la top 10 Nicola Jr. Morrentino, Noriyuki Haga (ottimo 7° dopo essere stato protagonista di una bella partenza), Kevin Manfredi, Luigi Morciano e un buon Michel Fabrizio. Complice la prestazione incolore di questa gara, Manfredi ha perso la leadership del campionato a favore di Davide Stirpe, che ora guida con 52 punti contro i 49 del pilota ligure. Rimangono vicini ai primi due Bussolotti (46), Gabellini (44) e Mercandelli (39).

MOTO3 – La prima delle due gare della Moto3 al Mugello è stata un monologo di Stefano Nepa. Liberatosi del poleman Riccardo Rossi dopo la partenza, il pilota abruzzese ha staccato gli inseguitori a suon di giri veloci e alla fine ha tagliato il traguardo con ben nove secondi e mezzo di vantaggio. Se la vittoria è stata assegnata praticamente subito, non si può dire lo stesso per i restanti due posti sul podio, andati ai piloti TM Raffaele Fusco (Gradara Corse) e Kevin Zannoni (TM Racing Factory 3570 MTA) dopo un’intensa battaglia a cinque che ha coinvolto anche i piloti Honda Gresini Racing Junior Team Riccardo Rossi e Nicholas Spinelli (4° e 6°) e Nicola Fabio Carraro (5° con la Mahindra del Team Minimoto Portomaggiore). Chiudono la top 10 Lorenzo Bartalesi, Edoardo Sintoni, Elia Bartolini ed Anthony Groppi. In campionato Nicholas Spinelli rimane leader a quota 60 punti seguito da Kevin Zannoni (49) e dalla coppia Raffaele Fusco-Nicola Fabio Carraro (44)

SUPERSPORT 300 – La SS300 ha riservato come sempre una gara spettacolare e combattuta fino all’ultimo, con ben otto piloti a giocarsi la vittoria. Alla fine a spuntarla è stato nuovamente il pilota KTM Thomas Brianti, che ha bissato il successo della Gara 2 di Misano. Brianti ha dovuto gareggiare con sei chili di zavorra, visto lo strapotere mostrato a Misano, ma alla fine è riuscito comunque a vincere battendo in volata Kevin Sabatucci (Yamaha ProGP) e il poleman Marc Luna Bayén (Kawasaki Ninja 400 C.M. Racing). Lo spagnolo, in particolare, è riemerso nel finale dopo essere rimasto a lungo in fondo al gruppo e alla fine ha ottenuto il terzo posto a soli 70 millesimi da Brianti. Dietro ai primi tre, Alessandro Arcangeli ha chiuso al quarto posto battendo per pochi centesimi Francesco Pastore, Nicola Bernabè, Gabriele Giannini e Matteo Bertè, arrivati in quest’ordine dalla quinta all’ottava posizione. La lotta per la vittoria ha coinvolto anche Manuel Bastianelli, l’australiano Jack Mahaffy e il Campione in carica Luca Bernardi, ma i primi due sono caduti rispettivamente dopo pochi giri e a due tornate dalla conclusione, mentre Bernardi ha dovuto accontentarsi del decimo posto dopo un’uscita di pista a metà gara. In campionato Kevin Sabatucci guida la classifica a quota 52 punti davanti a Thomas Brianti (50) e Luca Bernardi (40), con Manuel Bastianelli e Marc Luna Bayén quarti a quota 36.

PREMOTO3 – La Gara 1 della PreMoto3 ha visto la vittoria al photofinish di Alessandro Morosi, primo nella classifica assoluta e nella 250 4T. Il pilota del team RMU Full Moto Squadra Corse ha trionfato battendo nel finale Mattia Rato (Pasini Racing) e Filippo Maria Palazzi (RMU Full Moto Squadra Corse), arrivati secondo e terzo separati da soli 9 millesimi. La gara ha visto ben 12 piloti giocarsi le prime posizioni e sorpassarsi praticamente a ogni curva, con anche Davide Cangelosi, Alberto Surra e Matteo Boncinelli alternarsi in testa alla classifica. La vittoria sembrava nelle mani di Cangelosi, spesso in testa dopo essere partito 18°, ma l’alfiere del team 3570 MTA è finito a terra alla Bucine a pochi metri dal traguardo e questo ha spianato la strada per un arrivo in volata che, come detto, ha premiato Morosi. Detto dei primi tre, Gabriele Mastroluca ha chiuso al quarto posto davanti a Matteo Boncinelli, Alberto Surra e Nikolas Marfurt, con quest’ultimo settimo a chiudere un gruppo di piloti racchiuso in soli tre decimi. Completano la top 10 Francesco Mongiardo, l’olandese Collin Veijer e Andrea Natali. Anche nella 125 2T la vittoria è stata assegnata al photofinish: l’esordiente Manuel Margarito ha infatti battuto il poleman Mirko Gennai per soli 64 millesimi, col romeno Jacopo Adriano Hosciuc terzo a completare il podio. Nella 250 4T Alberto Surra rimane in testa con 60 punti in virtù della doppietta di Misano, mentre Jacopo Adriano Hosciuc guida la 125 2T con 61 punti e tre lunghezze in più rispetto a Filippo Bianchi.

Photo Credit: Marco Lanfranchi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy